Con A.M.O. puoi scoprire chi sei e come sei!

foto-centro

La coscienza del corpo, per amore della coscienza. Fosco Matteinici racconta il Centro Armonizzazione Morfologica Olistica, un’esperienza per il corpo e per la mente.

 

foto-centro

Quanti anni hai? E quanti anni ha il tuo corpo? L’età anagrafica corrisponde al sentire del tuo corpo? E’ adeguato, corrispondente, è più giovane o più vecchio? Il tuo corpo è armonico? Come stai sui tuoi piedi  nudi al pavimento? E seduto a terra con le gambe stese a 90° , la tua schiena cosa fa? Domande, domande che si possono fare al corpo e poter ricevere risposte. Il corpo risponde, risponde onestamente e ci fa sentire che siamo rigidi, corti, muscolarmente in difficoltà a muoverci come vorremmo, in  una parola disarmonici. Ma tutti proprio tutti possiamo essere armonici. “Vi è un Elisir che può aiutarti, una pratica professionale che esiste ed esercitiamo a Rimini da più di 30 anni al Centro A.M.O. – Armonizzazione Morfologica Olistica – in Via D. Campana, 51/b spiega Fosco Matteini.

A.M.O la A  sta per Armonizzazione, come possibilità naturale di migliorare e armonizzare il proprio corpo.

La M sta per Morfologia, studio della forma: Se si conosce la propria forma si può imparare attraverso l’allungamento muscolare e la respirazione morfologica a restituire al corpo la sua forma naturale. La O sta per Olistica: La mente e il corpo non sono separati, l’essere umano nella sua totalità è un’unità di Mente-Sentimento-Corpo”.

Da dove veniamo,“Con questo verbo AMO – aggiunge Matteini-  siamo riconoscenti e grati a tutte le Maestre e i Maestri che ci hanno trasmesso le loro conoscenze perché questi insegnamenti sono la fonte e fanno parte del nostro lavoro; lavoro che è cambiato, diventando a sua volta originale nel suo svolgersi come pratica olistica.”

Come si sviluppa il vostro lavoro?

Tre sono le fasi pratiche del cambiamento nel nostro lavoro:

– Il Prologo: Gravità-Respiro-Sensazione, i tre Amici. Questi permettono alla persona di portarsi ad un livello di attenzione attiva prima ancora di agire con i movimenti con il corpo.

– Dopo la prima fase si entra, conservando lo stato di presenza, in quelli che oggi non chiamiamo più esercizi o preliminari, ma “domande al corpo”. Domandi alle gambe? il corpo risponde. Domandi al collo? ancora risposte, domandi alle spalle o ai piedi? e sempre ci sono risposte. Queste risposte ed esperienze lasciano impressioni che ci nutrono rendendoci consapevoli dei cambiamenti. La proposta è di un ciclo di sedute di gruppo dove l’esplorazione e la conoscenza é continua in senso olistico. Il progetto di divenire coscienti di ciò che ci limita (rigidità) e ciò che è potenziale attraverso l’allungamento della muscolatura,  ha una sua forma e funzionamento (secondo le leggi delle catene muscolari  F. Mézières) che uniti al respiro morfologico, restituiscono armonia ed energia la corpo.

– In  conclusione di questo spazio-tempo: l’Epilogo. Tutto finisce e ciò che resta, impressioni (sensazioni-emozioni-pensiero) possiamo portarlo con noi ovunque ci troviamo perché  il Peso, il Respiro e la Sensazione sono sempre con noi (i tre Amici).

Lo sforzo dunque non è nei muscoli ma nell’attenzione verso tutte le parti di cui siamo fatti. Ritrovare l’armonia equivale a ritrovare un rispetto per la natura di cui facciamo parte.

Da dove nasce A.M.O.?

A.M.O. nasce nel momento in cui abbiamo lasciato l’identificazione con i nostri Maestri e abbiamo scelto di “Essere” partecipi sviluppando un nuovo lavoro e soprattutto un diverso modo di lavorare. Questo ci ha portati ad insegnare ad altri attraverso una Formazione A.M.O. che è iniziata nel Novembre 2016 della durata di 2 anni + 1 . Il desiderio di trasmettere ad altri le conoscenze, l’esperienza e le comprensioni  acquisite in tanti anni di lavoro con il Metodo Mézières e l’A.G. di Thèrèse Bertherat è così forte, da spingermi con l’aiuto di mia moglie Elvira Finato a ricominciare.

Amo tutto ciò che è vita perché essa è un’esperienza possibile d’Amore.